Recensione “La macchina del tempo” H.G. Wells

Bentornati sul mio Blog! Oggi vi voglio parlare di una lettura che mi ha colpito particolarmente “La macchina del tempo” di H.G. Wells.  Siamo alla fine dell’ottocento e uno strano personaggio, il Viaggiatore del Tempo, ci racconta la sua storia o meglio la sua 9788834733196_large.jpgavventura. Una narrazione straordinaria, forse un pò difficile all’inizio quando descrive la geometria e le varie quattro dimensioni, abbiamo la sensazione di viaggiare con lui e di visitare questo lontano futuro così diverso dal nostro Mondo. Un’avventura emozionante, una scrittura strepitosa come le descrizioni. E’ un piacere immergersi in questa lettura. Ho amato tutto, l’immaginazione dello scrittore è strepitosa riesce  a ricreare un mondo fantastico, un Mondo dove i suoi abitanti sono trasformati. L’ontano dall’immaginabile, un futuro che per certi aspetti sembra un passato antico. Un capolavoro della Fantascienza un classico che non può mancare nelle librerie dei più appassionati del genere. Siamo solo a Febbraio ma questo titolo è già entrato di prepotenza nella mia Top Ten 2017. Leggetelo ne rimarrete soddisfatti, vi coinvolgerà in un’avventura fantastica, vi farà vivere in un futuro lontanissimo, conoscerete una nuova società, una nuova vita il Viaggiatore del tempo un personaggio fantastico. Una narrazione, un racconto mai noioso anzi in alcuni punti riesce a anche a mettere l’ansia al lettore bisognoso di saperne di più sempre di più. Un finale che mi ha lasciato addosso un pò di tristezza chissà magari non è la fine di questo viaggio fantastico ma solo un nuovo inizio.

Ora non vedo l’ora di leggere altro di questo straordinario autore ho già “L’isola del dottor Moreau”. Non vedo l’ora di rituffarmi nei suoi bellissimi Mondi.

Trama: Inghilterra, fine Ottocento. Quando ha raccontato agli amici di aver escogitato un marchingegno per viaggiare attraverso i secoli, nessuno l’ha preso sul serio. Il Viaggiatore del Tempo è un uomo eccentrico, un inventore: difficile prendere per buono tutto quello che la sua mente partorisce. Eppure, le cicatrici sul suo corpo sembrano supportare la veridicità di ciò che racconta: un viaggio in un futuro lontanissimo, in cui si è perso il ricordo del mondo conosciuto, popolato da creature fragili e pacifiche sottomesse a esseri crudeli e ripugnanti che si nutrono della loro carne. I Morlock – così sono chiamate le creature malvagie che abitano gli anfratti oscuri della Terra – hanno tenuto imprigionato il Viaggiatore nella loro dimensione temporale, un universo che nessuna intelligenza avrebbe mai concepito così desolante e inumano. È questa la meta cui conduce il genio più luminoso? È forse questo il destino riservato a coloro che osano superare i limiti di ciò di cui l’uomo è misura? Il viaggio più strabiliante che sia mai stato compiuto, l’avventura folle e visionaria che ciascuno, almeno una volta, ha sognato di intraprendere.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...